FRANÇAMENTE..ME NE INFISCHIO! CARLOS FRANÇA VOLA IN ALTO, VIA COL VENTO

L’attaccante del Potenza ha risolto la sfida con il Rieti, raccontandosi poi ai nostri microfoni

Il match andato in scena domenica allo stadio Viviani di Potenza aveva una sua perfetta sceneggiatura, quella di una partita a R(i)eti inviolate. Il canovaccio – scritto a 4 mani dai registi Raffaele Capuano – è stato chiarissimo sin da subito: Potenza in attacco costante e Rieti in intelligente attesa e difesa, pronto sempre a pungere in ripartenza. Ma su ogni set che si rispetti, la variazione su tema, l’improvvisazione degli attori protagonisti, stravolge ogni partitura: è questo il vero segreto per ogni buona pellicola con aspirazioni al successo.

Così accade spesso, così è accaduto domenica. All’87’ Carlos França decide di salire in cielo, ad alta quota, e incornare in rete: libidine pura e il parterre del Viviani in visibilio. 10 marzo, 10 goal, per un 9 da ‘sogno’: “Mi reputo un uomo fortunato – confessa ai microfoni di gianlucadimarzio.com França -, perché tutti i sogni che il mio cuore desiderava sin da bambino, con l’aiuto di Dio, insieme alla personale speranza di riuscire a realizzarli, ora sono realtà”. La realtà, l’identità di Carlos, parlano chiaro: 39 anni compiuti lo scorso gennaio, 10 goal al suo esordio assoluto tra i professionisti ( a -1 da Paponi a quota 11 reti). Eppure, a inizio stagione, qualcuno mugugnava una litania del tipo: “Carlos non potrà giocare tra i professionisti, ormai è vecchio”. C’era chi, in sostanza, considerava la ‘pellicola calcistica’ del bomber brasiliano giunta ai titoli di coda. D’altronde – sempre a ricordare i critici – Carlos il ‘suo’ l’aveva fatto: la scorsa stagione, a 38 anni, con 25 reti, riportava il Potenza nuovamente in C, dopo più di dieci anni.

Il “Pallone d’oro di Serie D”, ricevuto a suggello di una fantastica annata? Ideale finale, per molti, di un ideale film “Bomber di Dio”. “Ogni grande film, – continua il numero 9 brasiliano del Potenza – dopo aver avuto successo apre sempre a un sequel, no? Dopo la grande stagione dell’anno scorso in D, che realmente è diventata un film qui a Potenza (La stagione dei Leoni), ho deciso di accettare una nuova sceneggiatura, una nuova sfida, sì: continuare a giocare, da protagonista, in serie C. E per la prima volta in carriera. La realtà ha davvero superato la più fervida immaginazione”.

Carlos França rientra in quella tipologia d’atleta esemplare, un po’ in via d’estinzione, per il quale “Non c’é separazione tra campo e vita, anzi, tutt’altro. Il calcio – si confessa França – è sempre stata la mia vita ma, rispetto a quando ero bambino e immaginavo solo di voler ‘sfondare’, oggi mi accorgo che c’è di più: del calcio mantengo vivo il suo sentimento principale, la pura passione. Grazie a essa, infatti, vivo quei valori di lealtà, fiducia, sacrificio e speranza per me imprescindibili; e quindi, sì, è grazie al calcio se oggi posso essere strumento di armonia e benessere per tutte le persone a me vicine”.

Le persone, alcuni incontri rivoluzionano completamento certe esistenze, con la potenza di stravolgere copioni e scalette, finali che, da drammatici, diventano fantastici: “Le persone sono il dono più grande che abbiamo: grazie all’incontro con la gente ciascuno di noi, nel confronto, si definisce, scegliendo che tipo di persona voglia essere. Quando mi sono ammalato per un tumore alla colonna vertebrale, ho avuto la forte tentazione di arrendermi e lasciare, ma grazie alla grande donna che era al mio fianco, mia moglie Camilla, ho lottato e vinto la battaglia. Senza l’entusiasmo e la fede di Camilla non avrei compreso che il progetto di Dio su di me era nelle sue mani, e che quindi non avrei dovuto mai temere altro affidandomi a Lui. Oggi io non sarei qui, a 39 anni, senza il calore della gente di Potenza, per me e la mia famiglia; non avrei realizzato mai il sogno di giocare finalmente tra i professionisti senza il sostegno dei miei compagni di squadra, o senza la fiducia incondizionata che mister Raffaele ha avuto nelle mie capacità sin dal suo primo allenamento”.

L’ ‘altro’ ti ‘salva’, sempre”. Come ieri in area su Brumat, Carlos França non vuole smettere di volare, di segnare volando, con il suo Potenza, via col vento. E se alla ‘prima’ del suo sequel “Bomber di Dio”, sul red carpet, ci fosse ancora qualche ostinato a punzecchiare sull’anagrafe della punta brasiliana, Carlos assicura: “Françamente..me ne infischio!”.

A cura di Giovanni Caporale

Fonte: www.gianlucadimarzio.com